MENU

Comune di Genzano di Roma

Tassa sui servizi indivisibili – TASI

Dal 1* gennaio 2014 la Legge 147 del 27/12/2013 (Legge di Stabilità 2014), modificata con il D.L. n. 16 del 6 marzo 2014 ha istituito una nuova imposta, denominata TASI, che fa parte della I.U.C. (Imposta Unica Comunale) assieme all’IMU e alla TARI (ex TARES/TARSU).

ATTENZIONE: dal primo gennaio 2016 viene eliminata la TASI sull’abitazione principale e relative pertinenze.

Fino al 2015 valgono le seguenti note:

Il versamento della TASI è in autoliquidazione, quindi al contribuente non verrà inviato nessun modello da parte degli Uffici Comunali ma sarà lo stesso utente che dovrà provvedere al calcolo e alla compilazione del modello F24, con mezzi propri o tramite terzi.

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO
Il presupposto impositivo della TASI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati, ivi compresa l’abitazione principale, e di aree edificabili, come definiti ai sensi dell’imposta municipale propria, ad eccezione, in ogni caso, dei terreni agricoli.

CHI DEVE PAGARE LA TASI
Il possessore o il detentore di fabbricati ed aree fabbricabili. Nel caso in cui l’oggetto imponibile è occupato da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale, quest’ultimo e l’occupante sono titolari di un’autonoma obbligazione tributaria, a condizione che l’occupante non faccia parte dello stesso nucleo famigliare del possessore.

LA BASE IMPONIBILE
La base imponibile è la stessa prevista per l’applicazione dell’IMU (vedi la sezione IMU).
La base imponibile è ridotta del 50 per cento per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati e per i fabbricati di interesse storico o artistico, di cui all’articolo 10 del Dlgs. n. 42 del 2004

CALCOLO DELL’IMPOSTA E ALIQUOTE
È lo stesso dell’IMU, applicando le aliquote stabilite con deliberazione di Consiglio Comunale.

Fattispecie

Aliquota 2018

Abitazione principale e relative (solo categorie A/1, A/8 e A/9)

Zero

Abitazione principale e relative (escluse categorie A/1, A/8 e A/9)

2,5 per mille

Fabbricati rurali strumentali

1  per mille

Altri immobili, aree edificabili e terreni

Zero

 

N.B.: per la TASI non sono previste detrazioni.

RIDUZIONI ED ESENZIONI
Per gli immobili situati all’interno dei Consorzi costituiti par la ripartizione dei costi comuni di manutenzione stradale e illuminazione è prevista una detrazione di € 5,00. I Consorzi oggetto di agevolazione saranno individuati con apposito provvedimento della Giunta Comunale previa acquisizione della documentazione da cui si evincono le caratteristiche.

MODALITÀ DI VERSAMENTO
La nuova imposta dovrà essere versata unicamente utilizzando il modello F24 presso banca o ufficio postale.
I codici tributo da utilizzare nel modello F24 sono i seguenti:

  • 3958: abitazione principale e pertinenze
  • 3959: fabbricati rurali ad uso strumentale

Il versamento andrà effettuato entro le seguenti date:
16 giugno: acconto pari al 50% dell’imposta dovuta, utilizzando l’aliquota dell’anno precedente.
16 dicembre: saldo a conguaglio

Il modello F24 è disponibile, in versione cartacea, presso Banche, Poste e agenti della riscossione, mentre, in formato elettronico, sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

DICHIARAZIONE
I soggetti passivi sono tenuti a presentare apposita dichiarazione, entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui ha inizio il possesso o la detenzione dei fabbricati ed aree assoggettabili al tributo, la quale ha effetto anche per gli anni successivi qualora le condizioni di assoggettamento al tributo siano rimaste invariate. Le dichiarazioni presentate ai fini dell’applicazione dell’Imposta Comunale sugli Immobili (ICI) e dell’Imposta Municipale Propria (IMU) in quanto compatibili, valgono anche con riferimento alla TASI.
Il modello di dichiarazione va presentato solo se intervengono variazioni durante l’anno di imposta.

RAVVEDIMENTO OPEROSO
Dal giorno seguente la scadenza del versamento è possibile regolarizzare il pagamento in ritardo dell’IMU applicando una sanzione in misura ridotta a titolo di ravvedimento.

Il ravvedimento operoso può essere di quattro tipi:

  • il “ravvedimento sprint” che può essere effettuato entro i 14 giorni successivi alla scadenza del termine per il versamento maggiorando l’importo da versare dello 0,1% per ogni giorno di ritardo più gli interessi legali in vigore (calcolati giornalmente) che decorrono dalla data di omesso versamento alla data del pagamento;
  • il ”ravvedimento breve” che può essere effettuato dal quindicesimo giorno fino al trentesimo giorno successivo alla scadenza maggiorando l’importo da versare del 1,5%% più gli interessi legali in vigore (calcolati giornalmente) che decorrono dalla data di omesso versamento alla data del pagamento;
  • il ”ravvedimento intermedio” che può essere effettuato dal trentesimo giorno fino al novantesimo giorno successivo alla scadenza maggiorando l’importo da versare del 1,66% più gli interessi legali in vigore (calcolati giornalmente) che decorrono dalla data di omesso versamento alla data del pagamento;
  • il “ravvedimento lungo” che può essere effettuato entro un anno dal giorno di scadenza del versamento maggiorando l’importo da versare del 3,75% più gli interessi legali in vigore (calcolati giornalmente) che decorrono dalla data di omesso versamento alla data del pagamento.

Dal 1* gennaio 2012 il saggio degli interessi legali è fissato al 2,5% annuo (D.M. 12.12.2011).
Dal 1* gennaio 2014 il saggio degli interessi legali è fissato al 1,0% annuo (D.M. 12.12.2013).
Dal 1* gennaio 2015 il saggio degli interessi legali è fissato al 0,5% annuo (D.M. 11.12.2014).
Dal 1* gennaio 2016 il saggio degli interessi legali è fissato al 0,2% annuo (D.M. 11.12.2015).

Nel caso in cui un versamento in ritardo è effettuato senza l’applicazione delle sanzioni ridotte, il Comune applicherà la sanzione prevista.

Riferimenti normativi

Legge n. 147 del 2013 art. 1 comma 639 e segg.
Dl 16 del 2014 convertito con modifiche

Responsabile del procedimento

Ufficio Tributi
Dott.ssa Simona Macri

A chi rivolgersi in caso di inerzia

Area Economico-finanziaria
Dott. Giuseppe Sifonetti

Ufficio al quale rivolgersi per informazioni

Ufficio Tributi
Per gli orari degli uffici clicca QUI

Ufficio e modalità di presentazione dell’istanza

URP – Ufficio Relazioni con il pubblico

Modulistica

Per la modulistica clicca QUI