MENU

Comune di Genzano di Roma

Cambi di residenza

Dal 9 maggio 2012 i cambi di residenza (per chi proviene da un altro comune o dall’estero e chiede l’iscrizione anagrafica a Genzano di Roma) e i cambi di abitazione (per chi è già residente a Genzano  di Roma e si trasferisce presso un altro indirizzo sempre all’interno del territorio di Genzano di Roma) saranno effettivi entro 2 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della richiesta da parte dell’ufficio.

Chi si trasferisce da un altro comune a Genzano di Roma, subito dopo l’iscrizione anagrafica potrà richiedere i certificati di residenza e di stato di famiglia e, solo nel caso in cui sia nato a Genzano di Roma, anche il certificato di nascita.

Per ottenere gli altri certificati si dovrà attendere che il comune di provenienza trasmetta i dati necessari al completamento dell’iscrizione (di norma entro 7 giorni dall’inizio della procedura).

Come fare la domanda

Per presentare la domanda è necessario utilizzare il modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica (dichiarazione di residenza; dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero), aggiornato come da disposizioni della Circ. n. 14 della Prefettura di Roma del 07/08/2014, come in allegato:

L’ufficiale d’anagrafe non potrà accettare domande in carta libera o in un formato diverso o non compilate in tutte le parti obbligatorie che sono contrassegnate da asterisco.

La richiesta di cambio di residenza o di abitazione deve essere presentata all’ufficio anagrafico del municipio competente per territorio con le seguenti modalità:

di persona, ritirando e compilando il modello fornito dal personale addetto allo sportello.

ATTENZIONE

Nell’ambito delle misure predisposte per il contenimento della diffusione del COVID-19 (Coronavirus) possono accedere agli uffici solo gli utenti che necessitano di servizi urgenti o con termini di legge indifferibili. 

Pertanto per tutta la fase dell’emergenza, esclusivamente in caso di urgenza e indifferibilità, occorre prenotare la prestazione telefonicamente ai n. 06/93711214 – 06/93711246 – 06/93711226 – 06/93711239, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

  • con raccomandata, via fax, per posta elettronica ordinaria.

In questi casi si deve ritirare il modulo presso il Municipio oppure scaricarlo dall’indirizzo internet sopra indicato. Dopo averlo compilato in ogni sua parte e firmato si potrà trasmetterlo con raccomandata e fax, insieme con una fotocopia completa (fronte – retro) del proprio documento d’identità in corso di validità (art. 38 del D.P.R.445/2000). L’invio per posta elettronica presuppone la scansione del modulo e del documento d’identità.

Qualora il trasferimento riguardi più persone, è necessario che tutti i componenti maggiorenni firmino in calce al modello allegando la copia del proprio documento.

I recapiti per l’invio di posta elettronica, di Posta Elettronica Certificata e fax sono i seguenti:

Contattare l’Ufficio Anagrafe per avere la conferma di ricezione  della documentazione inviata

tel. 06-93711214

Per facilitare il procedimento e in tutti i casi in cui la domanda non venga presentata direttamente allo sportello è necessario indicare anche i recapiti mail e cellulare nell’apposito campo prima della sottoscrizione.

Avvertenze importanti

1) Nel caso in cui nell’abitazione dove si vuole trasferire la residenza fosse già residente un’altra famiglia è indispensabile che un suo rappresentante maggiorenne firmi il modello della richiesta . In mancanza di questa condizione la pratica sarà considerata irricevibile.

Il consenso potrà essere fornito:

  • di persona, accompagnando il dichiarante allo sportello del municipio;
  • compilando e firmando in calce sull’apposito campo nel modello di dichiarazione (vedi nel modello in fondo a pag.3)​ e allegando una fotocopia (fronte – retro) del documento di identità.

2) È indispensabile specificare il titolo che consente di iscriversi presso l’indirizzo indicato, a tale proposito occorre compilare l’apposito allegato, parte integrante del modello, che deve necessariamente riguardare una unità alloggiativa regolarmente registrata al catasto.
Per le situazioni particolari, non individuate nel modello, allegare il modello  Dichiarazione proprietario per iscrizione anagrafica  oppure indicare al punto 6  le generalità e l’indirizzo di residenza del proprietario dell’immobile e i dati catastali afferenti.

3) Nei 45 giorni successivi alla richiesta di cambio di residenza o di abitazione l’ufficio effettuerà le verifiche al domicilio dichiarato (tramite la Polizia Municipale) e controllerà tutta la documentazione presentata dal richiedente o eventualmente trasmessa dal comune di emigrazione.

4) Entro il 45° giorno l’ufficio potrà emettere un preavviso di rigetto della domanda nel caso in cui si accerti che non ci sono le condizioni previste dalla legge relative sia all’effettivo luogo di dimora abituale sia agli altri requisiti per l’iscrizione anagrafica oppure si rilevino delle irregolarità nella richiesta.

In questo caso il richiedente avrà 10 giorni di tempo per presentare le proprie osservazioni scritte al fine di evitare l’annullamento della residenza e il ripristino della precedente iscrizione.

5) In caso di dichiarazioni mendaci sarà data informativa all’autorità giudiziaria competente. Gli articoli 75 e 76 del D.P.R. 445/2000 prevedono infatti la decadenza dai benefici e sanzioni penali per chi dichiara il falso ad un pubblico ufficiale.​


Iscrizione nello schedario popolazione temporanea (SPT)

Possono richiedere l’iscrizione nello Schedario della Popolazione Temporanea i cittadini che dimorano nel Comune di Genzano di Roma per un certo periodo di tempo con compravate motivazioni (esempio: motivi di studio, lavoro, salute, famiglia) e pertanto non si trovano ancora nelle condizione di stabilirvi la residenza.

  • L’iscrizione viene fatta su domanda dell’interessato che dimora sul territorio del Comune da almeno 4 mesi.
  • Non è previsto il rilascio di certificazioni anagrafiche.
  • L’iscrizione ha la durata di 12 mesi e superato tale periodo, il cittadino non può essere considerato temporaneo e deve quindi chiedere l’iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente.
  • Documenti da presentare: 1) l’ Istanza di iscrizione 2) Copia di un documento di riconoscimento in corso di validità 3) Codice fiscale 4) documentazione relativa al domicilio e alla motivazione di iscrizione oppure in mancanza, una Dichiarazione sostitutiva dell’Atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 445 del 28/12/2000) nella quale si espone la situazione allegando Copia di un documento di chi la sottoscrive e Copia di un documento di un componente della famiglia ospitante (es. proprietario di casa/titolare contratto di locazione).
  • Successivamente alla presentazione dell’istanza, l’ufficio richiede al Corpo di Polizia Locale Comunale di effettuare le necessarie verifiche al domicilio dichiarato e, in seguito all’accertamento positivo, provvede all’iscrizione nello SPT.
  • Al termine di un anno dalla data del trasferimento, avviene la cancellazione dallo schedario.

Modulistica:

 


Per i Comuni

Le richieste di cancellazione anagrafica dei cittadini emigrati da Genzano di Roma ed iscritti in altro comune dovranno essere inoltrate al seguente indirizzo di Posta elettronica certificata: protocollo@comunegenzanodiromapec.it

Esclusivamente in casi eccezionali potete utilizzare i seguenti recapiti:

 

Procedimento di cancellazione per Irreperibilità accertata

L’Ufficio anagrafe  provvede alla cancellazione per irreperibilità accertata nei casi di inadempienza del cittadino nel dichiarare il trasferimento della propria residenza, quando la persona sia risultata irreperibile e cioè non risulti più dimorante all’indirizzo di iscrizione anagrafica, né in altro indirizzo conosciuto del medesimo comune o di altro comune italiano, oppure sia emigrato stabilmente all’estero, senza chiedere l’iscrizione all’Aire se italiano o aver compilato la dichiarazione di trasferimento all’estero se straniero comunitario o extracomunitario.
La notizia della presunta irreperibilità può provenire da qualunque fonte (terze persone, conoscenza diretta, segnalazione da un diretto interessato, ecc.)
L’ufficiale d’anagrafe, quando ritiene vi siano i presupposti per avviare il procedimento deve comunicare all’interessato L’AVVIO DEL PROCEDIMENTO, ai sensi degli artt. 7 e 8 della L. 241/1990 inviando  una raccomandata A.R. all’indirizzo di iscrizione anagrafica o  la comunicazione  alla PEC  personale dell’interessato, qualora conosciuta. 
La comunicazione è valida anche se non viene ricevuta dal destinatario o dai suoi familiari; in tal caso si considera eseguita dopo la compiuta giacenza. Durante la fase istruttoria verranno disposti ripetuti accertamenti, opportunamente intervallati, mirati ad ottenere la dimostrazione che l’interessato è effettivamente irreperibile.
Il termine del provvedimento finale è stato indicato dall’Istat con circ. n. 70/1989:
“Le cancellazioni per irreperibilità dei cittadini italiani o stranieri devono essere effettuate quando sia stata accertata l’irreperibilità al loro indirizzo da almeno un anno e non si conosca l’attuale dimora abituale”.
Di seguito si allega il modello per la segnalazione di trasferimento, atta ad attivare il procedimento di cancellazione per irreperibilità  da parte dei terzi interessati.
Modulistica:
segnalazione per cancellazione

 

 

Riferimenti normativi

Circolare n.9/2012 del 27 aprile 2012 del Ministero degli Interni contenente le istruzioni operative per l’attuazione dell’art.5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35 recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”.
Decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35 recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”.
Modalità di applicazione dell’art. 5 (“Cambio di residenza in tempo reale”).
Decreto Legge 28/03/2014 n. 47 e successive modifiche ed integrazioni.
Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. “Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa”. Testo unico sulla documentazione amministrativa.