Cambio di residenza

Sommario

  • Cambio di residenza
  • Residenza per cittadini italiani
  • Residenza per cittadini italiani minori
  • Residenza per cittadini stranieri UE
  • Residenza per cittadini stranieri Extracomunitari
  • Residenza per persone senza fissa dimora
  • Residenza temporanea
  • Residenza ai fini successiva della richiesta di Cittadinanza italiana Iure Sanguinis
  • Trasferimento di residenza all'estero per persone italiane
  • Trasferimento di residenza all'estero per persone straniere
  • Attestazioni di regolare soggiorno per stranieri UE
  • Attestazione di regolare soggiorno permanente per stranieri UE


La dichiarazione di cambio di residenza, deve essere presentata:

  • dall'interessato maggiorenne;
  • da un qualsiasi componente maggiorenne della famiglia se cambia residenza l'intero nucleo familiare
  • da un terzo delegato maggiorenne, munito di delega scritta e fotocopia della carta d'identità del richiedente.

Il cambio di residenza può ritenersi necessario:

  • all'interno del Comune di Genzano di Roma
  • con provenienza da altro Comune
  • con provenienza dall'estero 

In caso di convivenza (casa di riposo, convitto, convento, caserma) la dichiarazione deve essere presentata esclusivamente dal capo-convivenza (responsabile che dirige la convivenza), le cui generalità devono essere già state registrate presso l'ufficio anagrafe.

Chi cambia città o indirizzo deve comunicarlo all'Ufficio Anagrafe entro 20 giorni dal trasferimento.

 


 

Modalità di presentazione della richiesta

La dichiarazione di cambio residenza deve essere effettuata attraverso la compilazione del modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica (dichiarazione di residenza.  L’ufficiale d’anagrafe non potrà accettare domande in carta libera o in un formato diverso.  La mancata compilazione dei campi relativi a dati obbligatori e non allegando un documento di riconoscimento in corso di validità, comporta la non ricevibilità della domanda. (Circ. n. 14 della Prefettura di Roma del 07/08/2014).

La richiesta di cambio di residenza deve essere presentata all'ufficio anagrafico del municipio competente per territorio con le seguenti modalità:

  • allo sportello previo appuntamento obbligatorio, di persona con tutta la documentazione necessaria.
  • allo sportello previo appuntamento obbligatorio, da un terzo delegato maggiorenne, munito di delega scritta e fotocopia della carta d'identità del richiedente.
  • via PEC all'indirizzo: protocollo@comunegenzanodiromapec.it , presuppone la scansione del modulo e degli allegati (formato PDF)
  • via mail all'indirizzo:  anagrafe@comune.genzanodiroma.roma.it, presuppone la scansione del modulo e degli allegati (formato PDF)

Si consiglia di contattare l'Ufficio Anagrafe per avere la conferma di ricezione  della documentazione inviata e verificare la ricevibilità della richiesta al tel 06 93 711 214 - 217

Per facilitare il procedimento e in tutti i casi in cui la domanda non venga presentata direttamente allo sportello è necessario indicare anche i recapiti mail e cellulare nell'apposito campo prima della sottoscrizione.

 


 

Requisiti sul richiedente
Documentazione da presentare
Iter



Costi

Il servizio è gratuito.



Tempi

Termine di conclusione del procedimento:

  • 2 giorni lavorativi per registrare le dichiarazioni anagrafiche;
  • 45 giorni per la verifica dei requisiti, salvo accertamento negativo.

L'iscrizione all'Anagrafe è subordinata all'espletamento degli accertamenti da parte degli uffici comunali (Polizia Municipale) nonché alla risposta positiva da parte del Comune di provenienza.

Se entro 45 giorni dalla registrazione l'interessato non riceve comunicazioni circa eventuali requisiti mancanti o esito negativo degli accertamenti, in applicazione dell'istituto del silenzio-assenso, la pratica si considera definita.

In caso di mancanza dei requisiti o di accertamenti negativi da parte del Corpo di polizia locale, l''ufficio Anagrafe provvederà a comunicare l'esito negativo al cittadino. L'interessato avrà 10 giorni per presentare le proprie osservazioni.

 



Informazioni

Per eventuali chiarimenti e informazioni contattare l' Ufficio Anagrafe al 06 93 711 214

 


 

Avvertenze

  • "Chiunque occupi abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge". Decreto legge 28 marzo 2014, n. 47 (convertito in Legge 23 maggio 2014, n. 80), all'art. 5
  • I cittadini che presentano la Dichiarazione di residenza o di cambio di abitazione, devono dichiarare il possesso di un idoneo titolo di occupazione dell'immobile.  Circolare del Ministero dell'Interno n. 14 del 6.8.2014
  • Il modulo predisposto per la compilazione può essere firmato digitalmente oppure il modulo compilato, stampato e la firma (o le firme) deve essere apposta in forma "autografa".
  • I dati obbligatori sono segnalati da un asterisco
  • In caso di dichiarazioni mendaci sarà data informativa all’autorità giudiziaria competente. Gli articoli 75 e 76 del D.P.R. 445/2000 prevedono infatti la decadenza dai benefici e sanzioni penali per chi dichiara il falso ad un pubblico ufficiale.​
  • Nel caso in cui nell'abitazione dove si vuole trasferire la residenza fosse già residente un’altra famiglia è indispensabile che risultino nell'apposito campo del modello le generalità e la relazione di coniugio, parentela, affinità, adozione, tutela o vincoli affettivi e, possibilmente, la firma  di un suo rappresentante maggiorenne . In mancanza di questa condizione la pratica sarà considerata irricevibile. Il consenso potrà essere fornito compilando e firmando in calce sull'apposito campo nel modello di dichiarazione (vedi nel modello in fondo a pag.3)​ e allegando una fotocopia (fronte – retro) del documento di identità.
  • Nel caso trattasi di trasferimento di minore senza la presenza all'indirizzo di entrambi i genitori  è necessario che il genitore assente sia messo a conoscenza del trasferimento. Per tale situazione la  dichiarazione di residenza può essere firmata anche dal genitore assente ( in calce al modello indicando la relazione di parentela con il minore) oppure si può allegare  una dichiarazione di conoscenza sottoscritta da quest’ultimo,  entrambe le sottoscrizione devono essere accompagnate da una copia del  documento di identità in corso di validità.
    In alternativa, il genitore presente deve allegare una dichiarazione sostitutiva ai sensi dell'art. 47 D.P.R. 445/2000,  contenente le generalità e la residenza conosciuta del genitore assente oppure la motivazione nel caso in cui l’altro genitore abbia perso la potestà genitoriale o sia deceduto con la documentazione attestante quanto dichiarato.

 


Normativa di riferimento

  • Circolare n.9/2012 del 27 aprile 2012 del Ministero degli Interni contenente le istruzioni operative per l'attuazione dell'art.5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35 recante "Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo".
  • Decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35 recante "Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo".
  • Modalità di applicazione dell'art. 5 ("Cambio di residenza in tempo reale").
  • Decreto Legge 28/03/2014 n. 47 e successive modifiche ed integrazioni.
  • Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. "Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa”. Testo unico sulla documentazione amministrativa.

 

Apertura al pubblico - Uffici demografici

L' apertura al pubblico viene garantita solo previo appuntamento fissato con gli Uffici di interesseInoltre a partire dal 1 febbraio 2022, e fino al 31 marzo 2022, l'accesso ai pubblici uffici, e dunque alla Casa Comunale, sarà consentito esclusivamente ai soggetti in possesso di Certificazione COVID-19 di tipo Green Pass Base, ai sensi di quanto stabilito dal   Decreto-Legge 7 gennaio 2022 n. 1 (cfr. art. 3). La relativa verifica sarà effettuata presso la postazione sita a piano terra dell'edificio Comunale, dotata di “totem” di controllo. Al momento dell'accesso nei locali Comunali saranno altresì verificati il corretto utilizzo della mascherina e la temperatura corporea.

 


 

Orari e recapiti

Relativamente ai Servizi Demografici, si specificano di seguito gli orari di apertura al pubblico:

Tutti i Servizi Demografici
dal Lun. al Ven. 10.00 -12.00 apertura al pubblico

Per richiedere gli appuntamenti (anagrafe, elettorale e stato civile) utilizzare il servizio di prenotazione online 
oppure contattare il tel.  06 93 711 217 (dal Lun al Ven 09:00– 12:00)

Recapiti diretti Servizi Demografici
Servizio Elettorale 06 93 711 246 
Servizio di Stato Civile 06 93 711 226 - 239
Servizio Anagrafe 06 93 711 214

 


 

Servizi online per il cittadino

Nell’ambito della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, il Comune ha attivato nuovi servizi per il cittadino:

Prenotazione appuntamenti on line

Portale dell’Agenda digitale per la prenotazione online degli appuntamenti da parte del cittadino, consentendo così di poter accedere ai servizi dell’ente nonostante le difficoltà dovute alla situazione di emergenza epidemiologica.

Certificati on line | Certificati ANPR

Portale dei Servizi Demografici on line dando la possibilità ai propri cittadini di richiedere certificati per se stessi, per i propri familiari e per terze persone.

PagoPA Pagamenti online

PagoPA è una piattaforma per pagamenti elettronici mettendo in comunicazione cittadini, enti pubblici e Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) al fine rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione.

IMPORTANTE - L’accesso ai servizi web, in linea con quanto disposto dal Decreto Semplificazione (DL n. 76/2020), sarà consentito solo con l’identità digitale (SPID, Cns, Cie).

 


 

Iscrizione nello schedario popolazione temporanea (SPT)

Possono richiedere l’iscrizione nello Schedario della Popolazione Temporanea i cittadini che dimorano nel Comune di Genzano di Roma per un certo periodo di tempo con compravate motivazioni (esempio: motivi di studio, lavoro, salute, famiglia) e pertanto non si trovano ancora nelle condizione di stabilirvi la residenza.

  • L’iscrizione viene fatta su domanda dell’interessato che dimora sul territorio del Comune da almeno 4 mesi.
  • Non è previsto il rilascio di certificazioni anagrafiche.
  • L’iscrizione ha la durata di 12 mesi e superato tale periodo, il cittadino non può essere considerato temporaneo e deve quindi chiedere l’iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente.
  • Documenti da presentare: 1) l'istanza di iscrizione 2) Copia di un documento di riconoscimento in corso di validità 3) Codice fiscale 4) documentazione relativa al domicilio e alla motivazione di iscrizione oppure in mancanza, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 445 del 28/12/2000) nella quale si espone la situazione allegando Copia di un documento di chi la sottoscrive e Copia di un documento di un componente della famiglia ospitante (es. proprietario di casa/titolare contratto di locazione).
  • Successivamente alla presentazione dell’istanza, l’ufficio richiede al Corpo di Polizia Locale Comunale di effettuare le necessarie verifiche al domicilio dichiarato e, in seguito all’accertamento positivo, provvede all’iscrizione nello SPT.
  • Al termine di un anno dalla data del trasferimento, avviene la cancellazione dallo schedario.

 

Procedimento di cancellazione per Irreperibilità accertata

L'Ufficio anagrafe  provvede alla cancellazione per irreperibilità accertata nei casi di inadempienza del cittadino nel dichiarare il trasferimento della propria residenza, quando la persona sia risultata irreperibile e cioè non risulti più dimorante all'indirizzo di iscrizione anagrafica, né in altro indirizzo conosciuto del medesimo comune o di altro comune italiano, oppure sia emigrato stabilmente all'estero, senza chiedere l’iscrizione all’Aire se italiano o aver compilato la dichiarazione di trasferimento all'estero se straniero comunitario o extracomunitario.
La notizia della presunta irreperibilità può provenire da qualunque fonte (terze persone, conoscenza diretta, segnalazione da un diretto interessato, ecc.)
L’ufficiale d’anagrafe, quando ritiene vi siano i presupposti per avviare il procedimento deve comunicare all'interessato L’AVVIO DEL PROCEDIMENTO, ai sensi degli artt. 7 e 8 della L. 241/1990 inviando  una raccomandata A.R. all'indirizzo di iscrizione anagrafica o  la comunicazione  alla PEC  personale dell'interessato, qualora conosciuta. 
La comunicazione è valida anche se non viene ricevuta dal destinatario o dai suoi familiari; in tal caso si considera eseguita dopo la compiuta giacenza. Durante la fase istruttoria verranno disposti ripetuti accertamenti, opportunamente intervallati, mirati ad ottenere la dimostrazione che l’interessato è effettivamente irreperibile.
Il termine del provvedimento finale è stato indicato dall’Istat con circ. n. 70/1989:
“Le cancellazioni per irreperibilità dei cittadini italiani o stranieri devono essere effettuate quando sia stata accertata l’irreperibilità al loro indirizzo da almeno un anno e non si conosca l’attuale dimora abituale”.
Di seguito si allega il modello per la segnalazione di trasferimento, atta ad attivare il procedimento di cancellazione per irreperibilità  da parte dei terzi interessati.