MENU

Comune di Genzano di Roma

Emergenza Coronavirus – Fondi alle imprese – RISTORI

Decreto Sostegni: a partire dal 30 marzo e fino al 28 maggio 2021 sarà possibile presentare la domanda, accedendo al portale dell’Agenzia delle Entrate, per richiedere il contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Sostegni – Decreto Legge n. 41 del 22 marzo 2021 – Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19 – (GU Serie Generale n.70 del 22-03-2021) in vigore dal 23/03/2021.

Requisiti per accedere al contributo:
Il soggetto richiedente deve possedere i seguenti requisiti:
– avere la partita IVA attiva al 23 marzo 2021, data di entrata in vigore del decreto Sostegni;
– aver avuto ricavi o compensi non superiori a 10 milioni di euro nell’anno 2019;
– aver avuto nell’anno 2020 un fatturato medio mensile inferiore almeno del 30 per cento rispetto al fatturato medio mensile dell’anno 2019.
Ai soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2019 il contributo spetta anche in assenza del requisito relativo al calo di fatturato.
Attenzione: Non possono beneficiare del contributo le seguenti categorie:
– soggetti la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del decreto Sostegni(23 marzo 2021);
– soggetti che hanno attivato la partita IVA dopo l’entrata in vigore del decreto Sostegni (dal 24 marzo 2021);
– enti pubblici di cui all’articolo 74 del TUIR;
– intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’articolo 162-bis del TUIR.

11 Gennaio 2021 – Apertura bando della Regione Lazio “Ristoro Lazio Irap”: stanziati 51 milioni di euro a fondo perduto per sostenere la liquidità delle micro, piccole e medie attività economiche del Lazio appartenenti a settori particolarmente colpiti dalla crisi dovuta alla pandemia provocata dal Covid-19 e che hanno subito chiusure o limitazioni dell’attività nei mesi scorsi https://www.regione.lazio.it/ristorolazioirap/La Determinazione Regionale 05/01/2021L’Avviso Pubblico con scadenza 08/02/2021 e le modifiche all’Avviso Pubblico apportate con Determinazione n. G00083 dell’11 gennaio 2021.

Il Decreto-Legge RISTORI
Sostegno alle imprese e all’economia

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri ha approvato il Decreto-Legge 28 ottobre 2020, n. 137, in vigore dal 29 ottobre 2020, il quale introduce ulteriori misure urgenti per la tutela della salute e per il sostegno ai lavoratori e ai settori produttivi, nonché in materia di giustizia e sicurezza connesse all’epidemia da COVID-19:  G.U. Serie Generale n.269 del 28-10-2020.
In dettaglio il Decreto-Legge prevede
:
1. Contributi a fondo perduto – Le imprese dei settori oggetto delle nuove restrizioni riceveranno contributi a fondo perduto con la stessa procedura già utilizzata dall’Agenzia delle Entrate in relazione ai contributi previsti dal decreto “Rilancio” (Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34). La platea dei beneficiari includerà anche le imprese con fatturato maggiore di 5 milioni di euro (con un ristoro pari al 10 per cento del calo del fatturato). Potranno presentare la domanda anche le attività che non hanno usufruito dei precedenti contributi, mentre è prevista l’erogazione automatica sul conto corrente, entro il 15 novembre, per chi aveva già fatto domanda in precedenza.
L’importo del beneficio varierà dal 100 per cento al 400 per cento di quanto previsto in precedenza, in funzione del settore di attività dell’esercizio.
2. Proroga della cassa integrazione – Con un intervento da 1,6 miliardi complessivi, vengono disposte ulteriori 6 settimane di Cassa integrazione ordinaria, in deroga e di assegno ordinario legate all’emergenza COVID-19, da usufruire tra il 16 novembre 2019 e il 31 gennaio 2021 da parte delle imprese che hanno esaurito le precedenti settimane di Cassa integrazione e da parte di quelle soggette a chiusura o limitazione delle attività economiche. È prevista un’aliquota contributiva addizionale differenziata sulla base della riduzione di fatturato. La Cassa è gratuita per i datori di lavoro che hanno subito una riduzione di fatturato pari o superiore al 20%, per chi ha avviato l’attività dopo il 1° gennaio 2019 e per le imprese interessate dalle restrizioni.
3. Esonero dal versamento dei contributi previdenziali – Viene riconosciuto un esonero dal versamento dei contributi previdenziali ai datori di lavoro (con esclusione del settore agricolo) che hanno sospeso o ridotto l’attività a causa dell’emergenza COVID, per un periodo massimo di 4 mesi, fruibili entro il 31 maggio 2021. L’esonero è determinato in base alla perdita di fatturato ed è pari: – al 50% dei contributi previdenziali per i datori di lavoro che hanno subito una riduzione del fatturato inferiore al 20%;
– al 100% dei contributi previdenziali per i datori che hanno subito una riduzione del fatturato pari o superiore al 20%.
4. Credito d’imposta sugli affitti – Il credito d’imposta sugli affitti viene esteso ai mesi di ottobre, novembre e dicembre ed allargato alle imprese con ricavi superiori ai 5 milioni di euro che abbiano subito un calo del fatturato del 50%. Il relativo credito è cedibile al proprietario dell’immobile locato.
5. Cancellazione della seconda rata IMU -La seconda rata dell’IMU 2020 relativa agli immobili e alle pertinenze in cui si svolgono le loro attività è cancellata per le categorie interessate dalle restrizioni.
6. Misure per i lavoratori dello spettacolo e del turismo – Sono previste:
– una indennità di 1.000 euro per tutti i lavoratori autonomi e intermittenti dello spettacolo;
– la proroga della cassa integrazione e indennità speciali per il settore del turismo.
7. Fondi di sostegno per alcuni dei settori più colpiti – È stanziato complessivamente 1 miliardo per il sostegno nei confronti di alcuni settori colpiti:
– 400 milioni per agenzie di viaggio e tour operator;
– 100 milioni per editoria, fiere e congressi;
– 100 milioni di euro per il sostegno al settore alberghiero e termale;
– 400 milioni di euro per il sostegno all’export e alle fiere internazionali.
8. Reddito di emergenza – A tutti coloro che ne avevano già diritto e a chi nel mese di settembre ha avuto un valore del reddito familiare inferiore all’importo del beneficio verranno erogate due mensilità del Reddito di emergenza.
9. Indennità da 800 euro per i lavoratori del settore sportivo – È riconosciuta un’ulteriore indennità destinata a tutti i lavoratori del settore sportivo che avevano già ricevuto le indennità previste dai decreti “Cura Italia” (decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18) e “Rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34). L’importo è aumentato da 600 a 800 euro.
10. Sostegno allo sport dilettantistico -Per far fronte alle difficoltà delle associazioni e società sportive dilettantistiche viene istituito un apposito Fondo le cui risorse verranno assegnate al Dipartimento per lo sport. Il Fondo viene finanziato per 50 milioni di euro per il 2020 per l’adozione di misure di sostegno e ripresa delle associazioni e società sportive dilettantistiche che hanno cessato o ridotto la propria attività, tenendo conto del servizio di interesse generale che queste associazioni svolgono, soprattutto per le comunità locali e i giovani.
11. Contributo a fondo perduto per le filiere di agricoltura e pesca – Viene istituito un fondo da 100 milioni di euro per sostenere le imprese delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura interessate dalle misure restrittive. Il sostegno viene effettuato attraverso la concessione di contributi a fondo perduto a chi ha avviato l’attività dopo il 1° gennaio 2019 e a chi ha subito un calo del fatturato superiore al 25% nel novembre 2020 rispetto al novembre 2019.
12. Salute e sicurezza – È previsto un insieme di interventi per rafforzare ulteriormente la risposta sanitaria del nostro Paese nei confronti dell’emergenza Coronavirus. Tra questi:
– lo stanziamento dei fondi necessari per la somministrazione di 2 milioni di tamponi rapidi presso i medici di famiglia;
– l’istituzione presso il Ministero della salute del Servizio nazionale di risposta telefonica per la sorveglianza sanitaria e le attività di contact tracing.
13. Giustizia – Il decreto prevede anche specifiche misure per il settore giustizia. Tra l’altro, si introducono disposizioni: – per l’utilizzo di collegamenti da remoto per l’espletamento di specifiche attività legate alle indagini preliminari e, in ambito sia civile che penale, alle udienze;
– per la semplificazione del deposito di atti, documenti e istanze.

CORONAVIRUS – LA RIPRESA DELLE ATTIVITA’
La regione Lazio si trova in Zona Bianca dal 14 giugno 2021, ai sensi dell’Ordinanza dell’11 giugno 2021 firmata dal Ministro della Salute Roberto Speranza.
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 26 maggio 2021 ha deliberato di procedere all’individuazione di Indicazioni comuni per le riaperture delle attività economiche e sociali nelle zone bianche da inserire nelle ordinanze regionali e il 28 maggio 2021 ha approvato le relative Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali.
Precedente versione del 08/10/2020: Allegati al D.P.C.M. del 13 ottobre 2020 si rimanda all’Allegato 9 (cfr. pag. 32 e seguenti) per visionare le Linee Guida per la Riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative  e le Schede Tecniche specifiche per ciascun tipo di attività.

D.L. 18/2020 – MISURE ECONOMICHE A FAVORE DELLE IMPRESE – EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA
– REGIONE LAZIO:  Sportello Europa_Misure a sostegno delle imprese Bollettino 18 del 15052020Bollettino: versione con link attivi Portale Regionale Sportello EuropaSezione Imprese Sportello Europa
INFORMATIVA SOSTEGNO IMPRESE DEL TURISMOAVVISO SUI CONTRIBUTI
Per la ricerca di altri BANDI APERTI per l’accesso ai finanziamenti vai ai PORTALI REGIONALI:
“FARELAZIO”“LAZIO INNOVA”“LAZIO EUROPA”;
Bando Regionale in evidenza dal 09/04/2020: Avviso Fondo Rotativo Piccolo Credito – Sez.VScheda Esplicativa Fare Lazio Bando Finanziamenti per la Liquidità MPMI.
– AGENZIA DELLE ENTRATE: Circolare n. 8 del 03/04/2020 chiarimenti su proroghe/sospensioni dei termini per i versamenti e gli adempimenti, sulle misure specifiche a sostegno delle imprese e dei lavoratori e sulla sospensione delle attività degli enti impositori – vai al Portale Agenzia delle Entrate;
– INPS: INPS – CIRCOLARE n. 49 del 30/03/2020INPS – CIRCOLARE n. 47 del 28/03/2020INPS – CIRCOLARE n. 45 del 25/03/2020INPS – CIRCOLARE n. 44 del 24/03/2020INPS – COMUNICATO STAMPA DIFFERIMENTO SCADENZE VERSAMENTI A FAVORE DELLA P.A. – vai al Portale INPS.

DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020 n. 23 – Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali (GU Serie Generale n.94 del 08-04-2020) in vigore dal 09/04/2020.

Le Reti di Imprese del Commercio: I progetti premiati dalla Regione Lazio

Progetto I Sapori di Genzano

[19/09/2017] Il progetto “I Sapori di Genzano” vince il bando regionale sulle “Strade del commercio del Lazio” per le reti d’impresa. L’avviso pubblico favorisce la nascita e lo sviluppo delle reti di impresa tra attività economiche del commercio e dell’artigianato, riunisce le attività economiche su strada, come negozi, artigiani, mercati, bar, attività culturali, e realizza assieme servizi per i cittadini e per le imprese e iniziative promozionali e di marketing territoriale.

Progetto Rete Imprese Genzano

[26/06/2017] Il progetto dell’Associazione Commercianti di Genzano Rete Imprese – CNA vince il bando regionale sulle “Strade del commercio del Lazio” per le reti d’impresa. L’avviso pubblico favorisce la nascita e lo sviluppo delle reti di impresa tra attività economiche del commercio e dell’artigianato, riunisce le attività economiche su strada, come negozi, artigiani, mercati, bar, attività culturali, e realizza assieme servizi per i cittadini e per le imprese e iniziative promozionali e di marketing territoriale.